Category

Collaborazioni

Ancora porte aperte a Progeva: l’azienda accoglie gli alunni della suola elementare del plesso “Trevisani” di Coreggia, Alberobello

Il 30 maggio 2016, la classe 5a E del Plesso “Trevisani”, è stata ospite dell’impianto Progeva srl.
La classe, formata da 17 meravigliosi bambini, di cui fa parte anche la piccola Anna, figlia dei titolari dell’azienda, è stata accompagnata dalle bravissime docenti Anna Maria Ruggiero e Margherita Giacovelli.
Tale iniziativa si inserisce nel percorso che l’azienda porta avanti già da diversi anni, ossia quello di spiegare già in piccola età ai bambini, l’importanza che l’ambiente e la salvaguardia dello stesso rivestono nella vita di ogni essere umano. La Progeva rappresenta il sito di destinazione finale della frazione umida derivante dalla raccolta differenziata effettuata su vari territori comunali, tra cui anche Alberobello. I bambini, che durante l’anno scolastico hanno studiato il processo di compostaggio, hanno potuto così assistere ad alcune delle fasi del processo, tramite il quale gli scarti organici di cucine e mense, vengono lavorati e trasformati in un fertilizzante denominato compost.
Una bellissima mattinata trascorsa insieme nella quale sono stati trattati temi di estrema rilevanza e di non sempre facile comprensione, che però hanno incuriosito i piccoli visitatori che si sono mostrati molto attenti e decisamente interessati agli argomenti trattati.

Puntate Pronto TV “Nella pancia o nella Terra”

Quasi 150mila tonnellate in un solo anno, il 2014: la frazione umida della raccolta differenziata rappresenta, soprattutto al Sud, una voce importante di ciò che è possibile riutilizzare e riciclare. Con la digestione anaerobica si possono usare gli scarti di lavorazione, soprattutto agroalimentare, per produrre biogas da trasformare in energia elettrica e termica o per produrre biometano per autotrazione. Ma gli scarti possono anche diventare un concime naturale e ricchissimo di sostanze. Oggi lo chiamiamo compost e rappresenta il tentativo di tornare all’organico, nel vero senso della parola, in campo agricolo dopo decenni di fertilizzanti chimici.

Una parte importante dei rifiuti prodotti dal nostro paese arriva dalla Grande Distribuzione Organizzata. Quasi 20 milioni di tonnellate, scarti derivanti principalmente da imballaggi di carta e plastica, ma anche da tutte le attività derivanti dalla vendita di prodotti organici come carne, pesce, verdure e frutta. Rifiuti che dunque per loro natura sono in teoria riciclabili, e che da problema possono trasformarsi in opportunità. Se ne parla in queste puntate speciali andate in onda su Punto TV di “Nella pancia o nella Terra”, progetto a cui Progeva ha partecipato.

Conferenza di presentazione “Nella pancia o nella terra”

Si è tenuta a Foggia la Conferenza di Presentazione del Progetto NELLA PANCIA O NELLA TERRA, finanziato da Fondazione con il Sud con il Bando Ambiente 2012 di cui A.FO.RI.S. impresa Sociale è Beneficiario e Capofila.
Il progetto ha come obiettivo principale quello di recuperare i prodotti invenduti della GDO, al fine di impiegarli in iniziative benefiche e di solidarietà.

I temi del progetto sono ricondotti alla lotta allo spreco alimentare, alla riduzione della produzione di rifiuti alimentari, alla donazione dei prodotti-risorse alimentari ancora edibili da destinare ad associazioni di volontariato, alla valorizzazione di scarti per la produzione di energia o di ammendanti agricoli sostenibili.

Presenti al tavolo dei relatori l’Assessore Regionale alla Qualità dell’Ambiente della Regione Puglia, Domenico Santorsola, il Consigliere della Provincia di Foggia, Saverio Cassitti, oltre alle organizzazioni partner di progetto (Gian Maria Gasperi e Mauro Genovese, rispettivamente Direttore Generale e Project Manager, Responsabile del Settore Consulenza – A.FO.RI.S. Impresa Sociale; Michele De Stasio, Consigliere Consorzio E.D.E.N.; Lella Miccolis, Amministratore unico di PROGEVA Srl; Marco Sbarra – Ufficio Progetti GAL MERIDAUNIA S.c.r.l.; Pasquale Marchese, Presidente del Ce.Se.Vo.Ca; Giuseppe Mimmo, Banca Popolare ETICA).

Nel corso dell’evento sono state presentate le strategie innovative per la valorizzazione degli scarti alimentari della Grande Distribuzione Organizzata con l’obiettivo di ridurre i rifiuti derivanti da quest’ultima ed impiegarli in attività benefiche e di solidarietà o destinarli alla produzione di biogas e compost mediante la realizzazione di un impianto di digestione anaerobica e di compostaggio.

“I miei complimenti alle organizzazioni che hanno sposato questo progetto” – ha dichiarato l’Assessore alla Qualità dell’Ambiente, Domenico Santorsola – “Il miglior modo per risolvere le problematiche dei rifiuti nella Regione Puglia è avviare una serie di iniziative similari a questo progetto valorizzando le sinergie di soggetti, che, con sensibilità diverse, fanno squadra per il raggiungimento di obiettivi condivisi, su temi particolarmente sentiti dai cittadini”.

La conferenza è stata anche un’occasione per divulgare gli step successivi del progetto, che prevedono una serie di attività formative gratuite rivolte a cittadini, volontari e studenti interessati ad apprendere conoscenze e competenze sul consumo consapevole, riuso e valorizzazione di beni alimentari invenduti e pratiche di eco-sostenibilità.

Progeva aderisce all’appello delle imprese per un efficace accordo internazionale sul clima

Il Consiglio Nazionale della Green Economy, in vista della COP 21 di Parigi, ha lanciato un appello ai decisori politici dagli Stati Generali della Green Economy che si sono tenuti a Rimini il 3 e il 4 Novembre.

L’appello si basa su sette proposte:
1. PROMUOVERE UN EFFICACE ACCORDO INTERNAZIONALE E ATTUARE SIGNIFICATIVE MISURE NAZIONALI DI MITIGAZIONE E DI ADATTAMENTO
2. ADOTTARE TARGET LEGALMENTE VINCOLANTI, IN LINEA CON L’OBIETTIVO DEI 2°C, BASATI SU CRITERI DI EQUITÀ
3.VARARE UNA RIFORMA DELLA FISCALITÀ ECOLOGICA, INTRODUCENDO UNA CARBON TAX ED ELIMINANDO I SUSSIDI DANNOSI PER L’AMBIENTE
4. SFRUTTARE L’ENORME POTENZIALE DI EFFICIENZA ENERGETICA IN TUTTI I SETTORI: EDIFICI, TRASPORTI, AGRICOLTURA, INDUSTRIA E SERVIZI
5. ACCELERARE L’USCITA DALLE FONTI FOSSILI E LA CRESCITA DELLE ENERGIE RINNOVABILI
6. PROMUOVERE MODELLI DI GESTIONE DEL SUOLO PIÙ SOSTENIBILI, PUNTANDO SU UN RUOLO ATTIVO DELL’AGRICOLTURA PER LA MITIGAZIONE E L’ADATTAMENTO AL CAMBIAMENTO CLIMATICO
7. PUNTARE SULL’ECO-INNOVAZIONE E SULL’ECONOMIA CIRCOLARE, FATTORI CHIAVE DELLA TRANSIZIONE

Il cambiamento climatico in atto è la più grave minaccia della nostra epoca. Senza nuovi interventi, i trend attuali delle emissioni di gas serra porterebbero a un aumento medio della temperatura terrestre di 3,7-4,8°C rispetto al periodo preindustriale, che avrebbe ripercussioni ambientali, sociali ed economiche disastrose. Prevenire un esito disastroso del cambiamento climatico è ancora possibile dimezzando le emissioni mondiali di gas serra entro il 2050, rispetto a quelle del 2010. Le capacità, le tecnologie e gli strumenti per conseguire un tale obiettivo sono disponibili, a costi sostenibili e con possibilità di attivare nuove occasioni di sviluppo.

Una rapida transizione verso una economia a basse o nulle emissioni di carbonio richiede significativi cambiamenti del sistema energetico e di quello economico e industriale. Questa transizione rappresenta una sfida importante anche per le imprese. Noi siamo convinti che essa non rappresenti solo un impegno necessario per il nostro futuro, ma che sia anche una concreta opportunità di nuovo sviluppo basato sulle tecnologie pulite, sull’efficienza e il risparmio energetico, sulla mobilità sostenibile e mezzi di trasporto a basse emissioni, sulle fonti rinnovabili, sul riciclo e su produzioni di beni e servizi di elevata qualità ecologica.

Sottoscrivendo questo appello, e sostenendo in tal modo le sette proposte per la COP21 di Parigi, Progeva si impegna, come impresa, a contribuire all’obiettivo di limitare l’aumento della temperatura globale al di sotto dei 2°C riducendo le nostre emissioni di CO2 e rendendo pubblico tale impegno.

Invitiamo le imprese, che non lo abbiano ancora fatto, ad aderire su http://appelloimpreseperilclima.eu/ entro il 25 novembre all’appello che sarà poi consegnato al Ministro dell’ambiente Gian Luca Galletti alla vigilia della sua missione per Parigi.

Corsi di formazione: Progeva incontra nuove competenze

L’incrocio tra domanda e offerta di lavoro non è sempre semplice, ma quando avviene in un contesto di formazione ben strutturato, può trasformarsi in una grande opportunità sia per l’azienda che per il lavoratore.

Il corso Eco Auditor Manager, tenutosi presso il Ciofs/FP Puglia di Ruvo organizzato dal Dipar e il Politecnico di Bari, per il conseguimento della qualifica di “Tecnico del Controllo Ambientale” ha visto diverse aziende partner, tra cui Progeva, ospitare gli allievi per uno stage formativo. Ben quattro corsisti su sedici hanno trovato un impiego e altri due hanno ripreso gli studi. Considerando le certificazioni acquisite dai partecipanti nell’ambito del percorso formativo, sicuramente per tutti ci sarà la possibilità di dare seguito a questa esperienza con risultati concreti.

L’evento finale si è svolto lo scorso 29 aprile presso la sede del Parco dell’Alta Murgia – Officina del Piano.
Sono intervenuti Caterina Montaruli per l’Amministrazione Comunale di Ruvo di Puglia, l’Ing.L. Ferrara, referente DIPAR, con una relazione sul tema “Green Public Procurement – GPP”; l’Ing. L.A.C. De Filippis, referente per il Politecnico di Bari, con una relazione sul tema “ECO AUDITOR MANAGER: MODA o REALE Opportunità di lavoro?”; il Dott. C. Veronico, Presidente Parco Alta Murgia, il Dott. F. Modesti, Direttore Parco Alta Murgia, il Dott. F. Giuri, progettista CIOFS/FP Puglia.

Alla conferenza hanno partecipato gli allievi e alcune delle aziende partner (Progeva srl – Sitec srl– Lenviros srl – WEC srl) e molto interessante è stata la relazione sull’esperienza di stage tenuta presso la nostra azienda dall’allieva M. E. Di Leo con cui continueremo a collaborare.

Progeva, da sempre particolarmente attenta al rispetto dell’ambiente e disponibile all’opportunità di crescita delle giovani generazione, ha fornito il suo importante contributo per un’esperienza che si è rivelata di grande successo, sia dal punto di vista professionale che relazionale.

In Basilicata per scoprire cosa sono i prodotti compostabili con Novamont, Fertileva ed il WWF

Un’intera giornata dedicata a parlare di buone pratiche, prodotti compostabili e bioeconomia, a famiglie, istituzioni, scuole e mondo delle imprese.

Novamont e Fertileva rinnovano il loro impegno legato alla diffusione di eccellenze nella raccolta differenziata in Basilicata. Presso Dichio garden center, da sempre sensibile ai temi ambientali e promotore di numerose iniziative di carattere socio-culturale, si è svolta, Martedì 10 Novembre 2015, la “Festa degli Alberi”, durante la quale si è tenuto un seminario in cui sono stati presentati i prodotti compostabili in Mater-Bi® e sono stati distribuiti numerosi gadget ai bambini provenienti dalle numerose scuole che hanno aderito all’iniziativa.

Nella mattinata si sono svolte attività di educazione ambientale, rivolte a scuole e famiglie, focalizzate sulla divulgazione di pratiche virtuose, utili per mettere fine alla ‘società del rifiuto’ a favore di un modello in cui i materiali vengono interamente riutilizzati e non ci sono prodotti di scarto ma risorse, ponendo al centro la sostenibilità ambientale. I partecipanti sono stati omaggiati da piante da frutto e bicchierini compostabili contenenti semi che potranno essere piantati dai bambini, creando un piccolo orticello domestico.

Alle ore 18, presso “la piazzetta” del garden center è stato illustrato il sistema di raccolta differenziata dei rifiuti organici, nella quale i sacchi e gli shopper in bioplastica compostabile svolgono un ruolo fondamentale. L’argomento è stato affrontato dalla Dott.ssa Eliana Bruschera, in rappresentanza della Novamont, azienda produttrice della bioplastica Mater-Bi®, in compartecipazione con la Dott.ssa Lella Miccolis, Amministratore Unico della Progeva, azienda che sul territorio si occupa del recupero mediante compostaggio di rifiuti organici.

Durante il seminario è stato più volte sottolineato l’impatto positivo che, l’utilizzo di manufatti compostabili, ha sulla raccolta differenziata. Tale tesi è stata pienamente condivisa anche dal WWF, rappresentato da diversi soci presenti all’iniziativa.

Progeva aderisce al Codice italiano Pagamenti Responsabili

Progeva ha aderito al Codice italiano Pagamenti Responsabili (CPR), un’iniziativa Confindustria per favorire una modalità più etica per pagare.

Aderendo al Codice, Progeva si impegna a rispettare i tempi e le modalità di pagamento pattuiti con i fornitori e a pagare in modo puntuale e trasparente.

In Italia, oggi molte imprese tendono a reagire ai lunghi (e incerti) tempi di pagamento allungando a loro volta i loro. È fondamentale spezzare questo loop negativo creandone uno positivo. Per raggiungere questo obiettivo serve un insieme forte di imprese disposte a compiere la prima mossa.

Il CPR si ispira all’iniziativa del Prompt Payment Code britannico, fortemente sponsorizzata dal Governo inglese e da CBI, Confederation of British Industry.

Il CPR è un Codice di comportamento basato su semplici e importanti caratteristiche:

  • adesione volontaria
  • requisiti di puntualità nei pagamenti
  • trasparenza nei confronti dei fornitori
  • impegno a diffondere l’adozione del Codice
  • massima snellezza e semplicità delle procedure
  • nessuna sanzione prevista, tranne l’esclusione dal Codice in caso di accertamento di violazioni.

Tempi contrattuali ragionevoli e regolarmente rispettati consentono alle imprese di migliorare la gestione finanziaria e ridurre i costi. Chi paga puntualmente produce un immediato beneficio per i propri fornitori e per la propria impresa; il pagatore puntuale ottiene sempre migliori condizioni di prezzo o di servizio, e diventa più competitivo.

Progeva ad Ecomondo: XVII Edizione della Conferenza Nazionale sul Compostaggio e Digestione Anaerobica

Puntuale anche quest’anno l’appuntamento con la conferenza sul compostaggio e la digestione anaerobica del rifiuto organico organizzata dall’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) e il Consorzio Italiano Compostatori (CIC) svoltasi durante la Fiera di Ecomondo.

All’introduzione del direttore CIC, è seguita una panoramica sui dati di settore da parte di Ispra. Durante la conferenza si è dato spazio alle necessità infrastrutturali di un settore in continua evoluzione come quello del compostaggio, alla qualità della raccolta dell´organico, dei servizi, del compost prodotto, dei fertilizzanti organici in generale, dei manufatti compostabili ed, infine, del biometano che le aziende si accingono a produrre come prodotto innovativo.

Lella Miccolis, amministratore unico Progeva, e Giuseppe Carlucci, Legale Rappresentante Agreenment, hanno partecipato alla conferenza esponendo i risultati del percorso di certificazione intrapreso da Progeva in merito alla Carbon Footprint del compost prodotto e l’individuazione delle Misure per la sua Riduzione.

Programma
9.30 – introduzione a cura di Massimo Centemero
9.50 – Il rifiuto organico, dalla riduzione dei RUB al compostaggio, alla digestione anaerobica, un settore in
evoluzione, R. Laraia (ISPRA)
10.10 . 1995-2015: vent´anni di recupero dell´organico nella Regione Veneto, ARPAV, Osservatorio Regionale per il Compostaggio
10.30 . Carbon Footprint del compost e individuazione delle Misure per la sua Riduzione: il caso di studio di
Progeva
10.50 . La qualità certificata del CIC: premiazione aziende con Marchio di Qualità Compost CIC
dei manufatti compostabili
11.10 . Presentazione dell´Accordo tra Corepla, CIC, Assobioplastiche, Conai
11.30 – Tavola rotonda . Presiede i lavori Alessandro Canovai, Presidente CIC
Partecipano: F. Bizzoni (CIC), MATTM (G. Sagnotti), E. Perrotta (Fise-Assoambiente), P. Muraro (Atia-Iswa Italia), P. Giacomelli (Utilitalia), L. Faregna (Assofertilizzanti-Federchimica), A. Romaniello (Certiquality), Versari (Assobioplastiche).

13:00 Conclusioni, On. Silvia Velo, Sottosegretario Ministero Ambiente

Incontri informativi per gli interessati ai Corsi per Esperti in Certificazione Ambientale

La Direzione Scientifica della Scuola EMAS (di cui Progeva è socia) ed ECOLABEL Puglia organizzano un ciclo di incontri di orientamento informativo, destinati a quanti sono interessati ai Corsi per Esperti in Certificazione Ambientale varati con il bando 2015.
Gli incontri si terranno dal 03 al 13 Novembre 2015, nei comuni di Brindisi, Bari, Taranto, Lecce, Foggia e Potenza. Per maggiori informazioni è possibile consultare il programma in allegato.
La partecipazione agli eventi è gratuita.

Per ragioni logistiche è indispensabile compilare la scheda di adesione (scaricabile qui) e restituirla a info@clubemaspuglia.it. Si farà seguito con un riscontro via mail di avvenuta registrazione.

Qui il Programma.

Il bando 2015 per l’ammissione al Corso per Esperti in Certificazioni Ambientali EMAS ed ECOLABEL, scade il 16 Novembre 2015.

Incontri informativi in Puglia
(Audit, Sistemi ed Esperti di Gestione Energetica ex-D. L.vo n. 102/2014 – Rischio Ambientale – Legge n. 68/2015 “Ecoreati” – New ISO 14001:2015)

Corsi per Esperti di
Certificazione Ambientale EMAS ed ECOLABEL
Accreditati dal Comitato Nazionale ECOLABEL ed ECOAUDIT – Organismo Interministeriale Competente per l’Unione Europea – con delibera del Comitato di Direzione del 28 Aprile 2015, Prot. N.0029563 – 06/07/15

________________________________
INFO:
CLUB EMAS ED ECOLABEL PUGLIA
c/o Istituto R. Gorjoux-N. Tridente, Via Raffaele Bovio, 1 –70126 Bari
web www.clubemaspuglia.it e mail: info@clubemaspuglia.it tel. 0881.633019 cell. 335/7184732 – 335/7184729

Progeva, partner del progetto “Nella pancia o nella Terra”

Giovedì 29 ottobre 2015 alle 17:00 presso la Sala Giunta di Palazzo Dogana (P.zza XX Settembre – Foggia) si terrà la Conferenza di Presentazione del Progetto “Nella Pancia o Nella Terra”.

Il progetto Nella Pancia o Nella Terra, finanziato da Fondazione il Sud con il Bando Ambiente 2012, di cui Aforis Impresa Sociale è beneficiario capofila, è un’iniziativa finalizzata a recuperare i prodotti invenduti della GDO, al fine di impiegarli in iniziative benefiche e di solidarietà.
I temi del progetto sono ricondotti alla lotta allo spreco alimentare, alla riduzione della produzione di rifiuti alimentari, alla donazione dei prodotti – risorse alimentari ancora edibili da destinare ad associazioni di volontariato, alla valorizzazione di scarti per la produzione di energia o di ammendanti agricoli sostenibili.

Alla conferenza prenderanno parte il Presidente della Provincia di Foggia, Francesco Miglio, l’Assessore Regionale alla qualità dell’ambiente Domenico Santorsola e il Responsabile del progetto Mauro Genovese. Sono previste testimonianze tecniche da parte dei partner di progetto, come PROGEVA, Consorzio EDEN – Università degli Studi di Foggia, GAL MERIDAUNIA, CE..SE.VO.CA., DCF, Comune di Candela, Banca Etica.
La Conferenza sarà Coordinata da Gian Maria Gasperi, Direttore Generale AFORIS.
La stampa, i tecnici, le autorità sono invitate a partecipare.

Info:
Iscrizioni
Scheda Progetto
Programma
www.aforis.it